Direct Email Marketing: facciamo chiarezza

Scritto da Redazione Online

La nostra redazione, creatrice dei contenuti del sito. Cerchiamo le migliori informazioni dal mondo del digital marketing, dei managed services e dei servizi web per scrivere articoli utili a tutti.

Tempo di lettura 4 minuti

Facciamo chiarezza sul direct email marketing, branca del digital marketing, per sapere come muoversi e come sfruttarlo nel migliore dei modi portando fidelizzazione e visibilità al tuo brand.

Che cos’è?

Partiamo dalle basi, che cos’é il Direct Email Marketing? Il DEM è una tipologia di marketing diretto che utilizza la posta elettronica, quindi le email, come mezzo di comunicazione commerciale per inviare messaggi ad un pubblico. La comunicazione, che può avvenire tramite email con contenuti testuali o dalla grafica accattivante, ha quindi lo scopo di promuovere uno o più prodotti e servizi.
È utile? Assolutamente si! Qui avevamo parlato di come mantenere vivo il tuo business durante il lockdown ad esempio, consigliandolo tra i metodi migliori.

Perchè utilizzarlo?

Tutti lo davano per spacciato con l’ascesa dei social e quindi del social media marketing, considerati più semplici e più “d’impatto”. L’email marketing, ha saputo però reggere il colpo cavalcando la nuova wave, ed è ancora tutt’ora lo strumento principale per promuovere beni e servizi di aziende, piccole o grandi che siano.

L’email marketing ti permette di inviare messaggi in grado di conquistare nuovi clienti o fidelizzare quelli già acquisiti tramite newletters mirate. Un pubblico fidelizzato porterà sempre più visibilità al tuo brand e ai tuoi servizi, che sia essa tramite visualizzazioni vere e proprie, tramite conversioni o pubblicità passa-parola.

Come suggerisce il nome, il direct email marketing crea un rapporto diretto con il cliente o potenziale tale. Si tratta di un rapporto one-to-one volto a catturare la sua attenzione e proporre l’acquisto di un prodotto o l’esecuzione di una action specifica (per esempio clicca qui, registrati qui, partecipa alla raccolta fondi, etc etc).

email-marketing-fidelizzazione

Come utilizzarlo?

Esistono le più disparate strategie di utilizzo del direct email marketing che vanno dalla newsletter settimanale a intricate campagne di lead generation.

Partiamo dalle basi: i contenuti.

Per creare una campagna efficace non basta utilizzare la piattaforma più famosa al mondo o inviare a milioni e milioni di contatti, servono i contenuti. Consigliamo quindi di:

  • creare titoli accattivanti (non per forza clickbait) che attraggano l’attenzione del lettore e che soprattutto siano inerenti con l’obiettivo della campagna. Ad esempio, se voglio promuovere l’acquisto di un televisore, un titolo adeguato non potrà essere “Prova gratis la nuova Ferrari Modena”. Creando situazioni ambigue, come quella citata nell’esempio, si rischia di avere l’effetto opposto a quello desiderato, attenzione!
  • Produrre dei contenuti testuali che mantengano incollato il lettore. Puoi produrli in autonomia, se ritieni di essere competente in materia, oppure affidarti ad una figura professionale come il copywriter. Molto dipende dal budget che si ha a disposizione, in quanto, come ogni figura professionale, il copywriter richiede un compenso per la produzione di questi contenuti. Dal nostro punto di vista, affidarsi a dei professionisti, in un settore come il nostro in cui si trovano molte figure “improvvisate”, può fare la differenza e farti rientrare ampiamente dell’investimento iniziale.
  • Definire in maniera semplice e chiara l’azione da compiere, la Call-to-Action. Cosa vuoi che il destinatario faccia nella nostra mail? Vuoi che si registri ad una lista di contatti?  Deve cliccare su un button per poi essere trasferito sul nostro sito o su una landing page? Vogliamo che acquisti un prodotto? La Call-to-action deve essere compresa facilmente e non deve essere macchinosa o complicata per chi la deve eseguire. Evitate troppi passaggi o di richiedere l’inserimento di troppi dati in form lunghi e macchinosi, siate semplici, brevi e concisi!

email-marketing-copywriter

Ora possiamo inviare: le piattaforme.

Ora che abbiamo creato i nostri contenuti e definito l’obiettivo della nostra campagna non ci resta che inviarla. Esistono diverse piattaforme, più o meno conosciute che ti consentono di effettuare l’invio. Noi ovviamente ti parleremo in generale, utilizzando però SenDEM , la nostra piattaforma di invio campagne DEM, come esempio.

Con queste piattaforme (in particolare nel caso di SenDEM) puoi importare i tuoi contatti in comode liste, suddivise per le caratteristiche che più ti fanno comodo. Vuoi creare una lista di sole donne? Nessun problema, puoi farlo! Vuoi creare una lista di soli artigiani del legno? Nessun problema, puoi farlo! Vuoi creare una lista di sole persone che vivono a Milano? Nessun problema, puoi farlo! La personalizzazione delle liste, otre che una scrematura iniziale in fase di caricamento di contatti duplicati e falsi, è un passaggio fondamentale. Creare liste il più dettagliate e accurate possibile ti mette nella condizione di definire alla perfezione il target e quindi di avere una risposta migliore alla tua campagna.

La maggior parte delle piattaforme offrono la possibilità di creare o importare i tuoi template email (ricordi i contenuti dei quali abbiamo discusso in precedenza?) e, come nel caso di SenDEM, hai anche la possibilità di tracciare nello specifico le azioni eseguite su di essi. Ad esempio puoi sapere quale link è stato cliccato più volte, quale meno e da chi, da dove e quando. Insomma, una panoramica completa che ti fornisce informazioni utilissime per il tuo marketing e per lo sviluppo di campagne future.

email-marketing-sendem

Finalmente l’invio. Puoi mandare le tue campagne subito o programmarle per farle partire in uno specifico momento, seguirne l’andamento in tempo reale e, come nel caso di SenDEM, avere in diretta le statistiche di hard-bounce, soft-bounce, aperture, click e chi più ne ha più ne metta. Questi termini ti spaventano? Ne parleremo in un prossimo articolo, non preoccuparti!

Conclusioni

Ora hai le basi per poter creare e inviare la tua prima campagna DEM! Ti consigliamo però di non inviare subito campagne di grandi dimensioni ma di eseguire più prove possibili per prendere confidenza con la tecnica e la piattaforma, evitando quindi di andare a stressare i tuoi contatti con campagne di dubbia efficacia.

Quello che possiamo fare noi è offrirti quindi la possibilità di provare la nostra SenDEM, gratuitamente per un massimo di 1000 mail, darti due dritte e assisterti in questo tuo nuovo percorso!

Scrivici a info@tribusadv.com e il nostro team sarà lieto di aiutarti.

Potrebbe anche piacerti…

Direct Email Marketing: il glossario base

Direct Email Marketing: il glossario base

La terminologia per muovere i primi passi nel mondo del direct email marketing (scoprirai che si dice DEM!). Ti spieghiamo passo a passo, con esempi chiari, tutto quello che ti serve per inviare la tua prima campagna email.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *